Logo audio valvole
Banner Audiovalvole
Gruppo Facebook Audio Valvole il sito degli appassionati di elettronica valvolareCompra Audiovalvole eBook su lulu.com
Audio Valvole:Pagina Consigliata
--->Pagina consigliata: Menu Alternativo
Versione stampabile
Versione stampabile della pagina

Analisi del funzionamento di amplificatori valvolari per chitarra e basso elettrico

Scopo di questo capitolo

Lo scopo di questo capitolo è l'analisi e la spiegazione dello schema di amplificatori per strumenti, nella fattispecie chitarra elettrica solid body e basso elettrico.
Si tratta di un lavoro di spiegazione del circuito e ingegneria inversa.
In questo ambito le valvole termoioniche sono ancora molto usate.
Il motivo è sopratutto legato alla timbrica e alle sonorità classiche che si possono ottenere.
Non dimentichiamo che la chitarra solid body e la sua testata (amplificatore più effetti) più cassa (o combo ovvero testata e cassa in un corpo unico) costituiscono un unico strumento.

Amplificatori per chitarra elettrica solid body

Si tratta di amplificatori che sono una naturale estensione dello strumento in quanto influiscono pesantemente sul risultato finale.
Quindi l'amplificatore viene valutato secondo canoni che nulla hanno a che vedere con l'alta fedeltà.
La banda audio riprodotta è strettamente legata allo strumento amplificato, inutile amplificare quello che non serve.
L'estensione sulle basse frequenze per quanto riguarda gli amplificatori per chitarra elettrica solid body è molto limitata, le chitarre non producono frequenze molto basse arrivano alla prima nota per una chitarra a sei corde a 82Hz mentre per una a sette corde, peraltro poco diffusa 61,7 Hz.
Per una chitarra distorta poi vengono prodotte armoniche fino a frequenze di 12 Khz (circa).
Tutto quello che è al di fuori di questa banda non ci interessa perché è solo rumore.

Amplificatori per basso elettrico

Il basso elettrico rispetto alla chitarra solid body scende molto di più in frequenza (41Hz), questo lo rende più difficile da amplificare.
L'estensione in frequenza è minore arrivando a malapena a 5 Khz.
La complessità di progetto si ripercuote poi sui diffusori che devono essere in grado di lavorare a bassa frequenza con un rendimento alto senza avere un ingombro eccessivo e senza distruggere gli altoparlanti con escursioni esagerate delle membrane.
Per il resto vale quanto detto per le chitarre solid body.

Analisi di amplificatori commerciali

Fender "bassman" 5f6a (1990) - Riedizione di uno dei primi combo (amplificatore+cassa acustica) per basso elettrico messi in commercio, commercializzato dalla Fender nel 1952.

Inizio Pagina