Logo audio valvole
Banner Audiovalvole
Gruppo Facebook Audio Valvole il sito degli appassionati di elettronica valvolareCompra Audiovalvole eBook su lulu.com
Audio Valvole:Pagina Consigliata
--->Pagina consigliata: Menu Principale
Versione stampabile
Versione stampabile della pagina

Cause del ronzio (hum)

Tutti gli amplificatori, in misura minore o maggiore hanno all'uscita una certa compunente di ronzio che si avverte facilmente mettendo al massimo il volume, in assenza di segnale in ingresso e avvicinando l'orecchio ai diffusori.
Le cause possono essere molteplici e le discuteremo in seguito.
Un altro tipo di possibile ronzio è quello meccanico, prodotto dal trasformatore di alimentazione, in questo caso la fonte del ronzio sarà l'amplificatore stesso e non i diffusori.
Se il rumore è avvertibile solo avvicinando l'orecchio all'amplificatore o ai diffusori, mentre non si avverte dalla posizione di ascolto evitate di intervenire, si tratta di un rumore normale.

Il rumore meccanico del trasformatore

Questo tipo di rumore è causato dai lamierini del trasformatore che sottoposti al campo magnetico vibrano.
E' molto comune nei trasformatori tipici a lamierini E+I ed è in genere dovuto al gioco che nel tempo si instaura fra i lamierini, dovuto alla dilatazione e al restringimento del metallo per riscaldamento.
Questo genere di rumore, se fastidioso (ovvero se è avvertibile dalla posizione di ascolto) è parzialmente eliminabile serrando le viti che tengono insieme il pacco lamellare.
In genere i trasformatori moderni di buona qualità sono impregnati sottovuoto di resina e questo basta ad attenuare tale problema.
Una ulteriore causa potrebbe essere l'allentamento delle viti che tengono il trasformatore ancorato al telaio dell'amplificatore.
In questo caso provare a stringerle oppure applicate dei distanziali di gomma fra trasformatore e telaio.
Questo genere di rumore è rarissimo per quello che riguarda i trasformatori toroidali.

Rumore elettrico sui diffusori (hum)

Questo tipo di disturbo si può a sua volta dividere in due categorie:

  1. Il rumore a bassa frequenza che si sente principalmente dal woofer dei diffusori composto dal punto di vista dello spetto da multipli di 50Hz (dando per assodato che la frequanza della rete di distribuzione dell'energia è 50hz).
  2. Rumore di alta frequenza principalmente udibile dal tweeter dei difusori acustici come un fruscio continuo.

Nel caso 1) è un rumore captato dalla rete elettrica di distribuzione dell'energia.
Se il rumore ha una frequenza pari a quella della rete elettrica, allora viene captato per via induttiva o capacitiva dall'impianto elettrico, in sostanza si tratta di un difetto di schermatura.
Se ha frequenze multiple di quella della rete elettrica si tratta di un difetto di filtraggio dell'alimentazione (ripple).
Nel caso 2) invece si tratta quasi sempre di rumore elettrico prodotto dagli stessi componenti dell'amplificatore, indice di una grande amplificazione o di un difetto di progettazione del circuito.
Questo tipo di rumore è abbattibile in fase di progettazione semplicemente adottando dei componenti a basso rumore, per esempio mettendo negli stadi di ingresso e dove il segnale è molto basso come ampiezza dei triodi piuttosto che dei pentodi che producono più rumore.

In realtà tutti questi tipi di rumore saranno sempre contemporaneamente presenti in proporzioni variabili.
E' impossibile rimuoverli completamente.

Inizio Pagina